MOTORI
Audi A1 Amplified, nuova versione della piccola tedesca
Scritto il 2012-06-27 da Gaetano Scavuzzo su News auto

Fonte: motorionline.com

L’Audi A1 arricchisce la propria gamma con una nuova versione delle compatta due volumi. Si chiama Audi A1 Amplified ed è una leggera rivisitazione “amplificata”, sulla base dell’allestimento Ambition di Audi A1 e Audi A1 Sportback, che la casa dei quattro anelli ha voluto riservare esclusivamente, almeno per ora, al mercato della Germania.

Già disponibile sul mercato tedesco in due versioni: rosso e bianco, con tre diversi livelli di equipaggiamento che mettono insieme accessori aftermarket ufficiali, con pacchetti che vanno da 1.990 euro a 6.990 euro. I tre livelli d’allestimento sono Amplified, Amplified Plus e Amplified Advanced. Il primo dei tre livelli prevede la verniciatura nera del tetto, della calandra, degli specchietti e del piccolo alettone S line, cerchi in lega da 17 pollici a cinque razze.

Con l’allestimento Amplified Plus negli interni è presente il sistema di illuminazione a LED e nuovi pedali in alluminio, mentre sulla carrozzeria si notano i fari posteriori a LED e altri dettagli sportivi come la verniciatura in nero lucido dell’estrattore i due terminali di scarico in nero opaco. Infine l’allestimento top è Amplifield Advanced che prevede in più rispetto ai due allestimenti precedenti i nuovi sedili sportivi S line in pelle Silk Nappa. Mentre esternamente si arricchisce l’A1 con vetri posteriori oscurati, fari allo xeno e cerchi da 18 pollici. Dunque nuova linfa per il look della compatta di casa Audi.

Con l’arrivo delle belle giornate di sole sono in tanti ad avere voglia di lasciare la macchina in garage e muoversi sulle due ruote, moto o scooter che sia. Così come per le autovetture anche per i veicoli a due ruote serve possedere la patente, un tema questo che è stato al centro di alcune novità e cambiamenti su normative e procedure per il conseguimento. Già da un po’ di tempo il Codice della Strada in vigore nel nostro Paese si è dovuto aggiornare per adeguarsi agli standard europei. Ne deriva che sono cambiate alcune cose in relazione alle modalità di conseguimento della patente A che consente di mettersi in sella a mezzi a due ruote di categoria pari al grado di patente acquisito. A tal proposito sono previste tre diverse categorie di patente A. Patente A1 Per quanto riguarda la patente A1 le nuove norme non ha cambiato nulla e tutto dunque resta come prima. La patente A1 si consegue a 16 anni e consente di guidare mezzi che non superino i 125cc di cilindrata e gli 11 kW di potenza massima. In più ai minorenni alla guida è vietato il trasporto di passeggeri sul mezzo a due ruote. Patente A2 Alcune novità riguardano da vicino la patente A2. Prima il Codice della Strada permetteva ai diciottenni in possesso di patente A3 di circolare alla guida di moto con potenza massima di 25 kW ma senza alcuna limitazione di potenza di origine delle moto “depotenziabili”. Con le nuove norme ora quei valori sono cambiati: la potenza massima è salita a 35 kW mentre la potenza “originale” non deve superare il doppio di tale valore. Patente A3 Aggiornamenti anche per quanto riguarda la patente A3, quella che permette di guidare qualsiasi moto senza alcun limite di potenza. Col vecchio Codice della Strada la patente A3 era conseguibile a 21 anni o in alternativa scattava automaticamente trascorsi due anni dal conseguimento della patente A2. Adesso le cose invece sono cambiate: per conseguirla direttamente è necessario aver compiuto 24 anni, mentre per coloro che hanno vent’anni e sono già in possesso della A2 da due anni lo scatto non è automatico ma passa dal superamento di un esame specifico.

Moto - Comunicablog

Nel 2010, Audi è tornata nel segmento B con la utilitaria A1, dopo le poco felici esperienze della 50 negli anni '70 e della A2 introdotta nel 2000. Oltre alla sportiva variante con la carrozzeria a 3 porte, la gamma della Audi A1 comprende anche il modello A1 Sportback a 5 porte. Entrambe sono disponibili negli allestimenti standard Attraction e Ambition, ma anche la gamma delle motorizzazioni è perfettamente identica per le due varianti della A1. Infatti, sono proposte con il motore base a benzina 1.2 TFSI da 85 CV, affiancato dall'altro propulsore a benzina 1.4 TFSI declinato in tre step di potenza: 122 CV anche nella versione a basso impatto ambientale con emissioni di CO2 pari a soli 122 g/km; 140 CV solo nella versione COD, acronimo di cylinder on demand, ovvero dotata del sistema con disattivazione dei cilindri; 185 CV, nella versione sportiva esclusivamente abbinata al cambio sequenziale S tronic a doppia frizione. Per quanto riguarda le motorizzazioni diesel, la utilitaria premium Audi A1 è disponibile con il motore 1.6 TDI, proposto nelle versioni da 90 CV e 105 CV di potenza, mentre al top di gamma si pone il propulsore 2.0 TDI da 143 CV. Sia la A1 che la A1 Sportback sono disponibili anche nelle versioni speciali Admired, S line edition ed S line edition plus. Tuttavia, la versione più ricercata della utilitaria di Ingolstadt è la Audi A1 quattro, declinazione ultra sportiva della vettura, equipaggiata con il motore 2.0 TFSI da 256 CV e prodotta in soli 333 esemplari numerati.

Auto - Autoinmente

Il prestigioso marchio automobilistico svedese, Volvo, sarebbe in procinto di debuttare anche nel comparto B Premium. Per capirci meglio, potrebbe cimentarsi nella produzione  di auto di natura più compatta della Volvo V40, sua attuale entry level, che poi a fare i conti della serva, con i suoi 437 centimetri in lunghezza, 178 centimetri in larghezza e 145 centimetri in altezza, tanto compatta non sarebbe Non si tratta di speculazioni, o semplici rumors del momento, visto che a dichiararlo in un intervista è stato lo stesso Amministratore Delegato dell’azienda, Stefan Jacoby. Sempre secondo Jacoby, acciocché questa possibilità si tramuti in realtà, è di fondamentale importanza per Volvo trovare un partner cha sia tanto esperto nello specifico segmento merceologico quanto interessato a dividere costi di progettazione e produzione. Sul versante dei motori, l’AD della società scandinava ha poi fatto esplicito riferimento a Geely, azienda come noto nelle cui mani si trova la proprietà di Volvo stessa. Stimolo ad affrontare questa sfida, sarebbero gli ottimi risultati ottenuti dal comparto delle utilitarie compatte Premium, che nel 2011, secondo i dati JATO Dynamics, avrebbe fatto registrare una crescita delle vendite pari al 19% nel Vecchio Continente. Stessa decisione è stata di recente adottata da Opel, con la nuova, piccola citycar compatta Adam e Audi,  con le fortunate A1 prima e A1 Sportback poi.

Auto - Autoinmente

AUTOINMENTE
MOTORI


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2015 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002