MOTORI
Audi sceglie Londra per il suo primo Cyberstore
Scritto il 2012-07-24 da Mac su News auto

Il blasonato marchio automobilistico tedesco Audi - Gruppo Volkswagen - ha scelto la capitale britannica per lanciare il suo primo negozio virtuale. Audi City, questo il nome del cyberstore della Casa dai 4 cerchi che ha aperto i battenti vicino alla famosissima Piccadilly Circus, rappresenta una vera novità nel settore automotive, dato che, in barba alla tradizione delle concessionarie, in realtà è del tutto virtuale, o meglio, per essere più chiari, le auto non ci sono proprio.

L’azienda Ingolstadt ha in programma di aprire una ventina di Audi City entro il prossimo 2015, ognuno dei quali sarò localizzato nel cuore delle più importanti metropoli mondiali. Ogni Audi City potrebbe essere definito una boutique di design, un luogo di incontro per gli appassionati del brand, dove verranno organizzati eventi e si potrà contare sull’assistenza di personale Audi. Forzando un po’ la mano, possiamo immaginare gli Audi City degli spazi alla Apple Store, anche se, in questi ultimi, gli oggetti fisici – iPhone, iPad etc – sono presenti in carne ed ossa, ope, in alluminio e silicio. L’unico modo per toccare i bolidi Audi, è quella  appunto virtuale grazie alla visualizzazione di tutta la gamma su schermi Lcd, dove si potrà scegliere scegliere modello e configurazione; il tutto poi verrà tradotto in scala 1:1, sul wall screen, colori ed equipaggiamenti inclusi, con la possibilità di approfondimenti tecnici con video e animazioni. Last but not least, visto che siamo nel Regno Unito, verrà consegnata una chiavetta Usb con la configurazione salvata. Dopodichè, se la volete provare, dovete andare in un concessionario, vero!

Articoli Correlati
Una misteriosa invasione di sfere giganti che ha interessato l'intero pianeta ha accompagnato il lancio della nuova smart fortwo. Parola d'ordine: Cityinvasion! Dal Giappone alla Russia, fino alle nostre città di Roma, Milano e Napoli, sono stati segnalati diversi avvistamenti di questi voluminosi oggetti sferici non identificati che sono comparsi improvvisamente su strade, piazze e persino sul Tevere a Roma. Su ognuna di questa sfere era presente un timer con un count down altrettanto misterioso che scandiva il tempo avvicinando a qualcosa di sconosciuto che faceva incuriosire i passanti. Lo scalpore per l’avvistamento delle sfere di questa misteriosa Cityinvasion ha attivato anche le redazioni dei telegiornali di tutto il mondo che hanno rilanciato la notizia attraverso i tg nazionali. Cosa si nasconde all’interno delle sfere? Cosa succederà alla fine del conto alla rovescia? Il mistero è stato svelato da smart il 7 novembre, tramite l'apertura delle sfere che contenevano la nuova smart fortwo. Per chi non poteva essere presente nelle piazze smart ha ideato un sito web dedicato all'operazione pubblicitaria, ciyinvasion.it, che consentiva di poter seguire l’evento di lancio della nuova generazione della smart grazie a uno streaming live interattivo che dava la possibilità di comandare da remoto le telecamere stereoscopiche per scoprire in modo personalizzato i segreti della nuova city car. La smart fortwo si è rinnovata con uno stile completamente nuovo e moderno, oltre che arricchirsi di numerosi contenuti che ne hanno incrementato la dotazione tecnologica a bordo e il livello di sicurezza, grazie al know-how di casa Mercedes. Per smart, il marchio più giovane del mercato automobilistico, la nuova fortwo rappresenta il capitolo di una nuova era proiettata verso un futuro fatto di stile, comfort e affidabilità. Scopritene di più sul sito dedicato. Sponsored by smart

Auto - Comunicablog

Imbarbarita e retrograda ma sempre bellissima nei suoi sparuti scorci sopravvissuti al degrado, definire Roma Smart city è un ossimoro al pari di ghiaccio bollente, lucida pazzia e arguta stupidità. Ma dato che l'associazione non è un richiamo alla figura retorica quanto un riferimento al numero di Smart nella capitale (135,000 and counting ndr) il binomio Roma- Smart City è quanto mai azzeccato. Avevo guidato le precedenti generazioni di Smart apprezzandone la facilità di "sgaiattolamento" nel traffico ma non il cambio elettroattuato e le sensazioni al volante,  mentre devo dire che l'ultima fortwo (sempre lunga 2,69 metri ma più larga di 10cm), in termini di guidabilità, risposta agli input e comportamento dinamico è una macchina a tutti gli effetti. Con un diametro di sterzata (6,75 metri) così contenuto da trascorrere la giornata a fare giro tondi e sospensioni morbide e confortevoli in grado di attutire anche le famigerate sconnessioni dei sanpietrini di Piazza Venezia. La nuova Smart fortwo è dunque agile e confortevole, ha lo start stop di serie ed è spinta da un motore 1.0 aspirato a 3 cilindri e 71 cavalli abbinato al cambio manuale a 5 marce. Si, avete capito bene, manuale, e quindi c'è anche la frizione (leggera). Cosa che a me non dispiace affatto perchè rende tutta l'esperienza di guida più divertente e coinvolgente con piccoli richiami alla sportività dato che  la Smart è pur sempre una trazione posteriore. E comunque, con l'altro motore disponibile (il  900 turbo da 90 Cv mentre non sono previste versioni a gasolio ndr) ci sarà anche la doppia frizione twin-matic. Gioiosi e colorati gli interni, con qualche piccolo vano portaoggetti, una buona abitabilità in relazione alle dimensioni esterne, navigatore touch, multimedialità varie, supporto per lo smartphone ed ergonomie ben studiate. I prezzi della Smart ForTwo - auto completamente nuova a livello estetico,tecnico e tecnologico e tarata al millimetro per addolcire e semplificare la vita quando si è costretti a guidare nel caos capitolino, partono da 12.750 euro ed al lancio è prevista anche la promozione della Polizza RCA con furto e incendio pagata per un anno.  Noi vi diamo appuntamento al prossimo articolo con un analisi socio-antropologica dell'auto preferita dai romani.

Auto - Ontheroad

Armati con le care e vecchie mappe di carta con l'unico supporto della popolazione locale incontrata lungo il cammino, nei 2000 chilometri percorsi da Bangkok a Chiang Mai a bordo della Land Rover Discovery 4 ci siamo imbattuti in mercati e paesaggi, Wat e luoghi sacri, antiche capitali e rovine scolpite dai secoli. Abbiamo esplorato villaggi immersi nella vegetazione tropicale, enclavi del Kuomintang nei pressi del confine birmano fino ad arrivare in pulsanti centri urbani proiettati verso il futuro. Il paese dei sorrisi è un luogo incantato dove cultura, storia, natura, passato, presente e progresso vivono in perfetta simbiosi. I paesaggi tailandesi alternano fiumi (il Meking e il Kok) e montagne, parchi nazionali, risaie e picchi carsici. Acque color smeraldo, grande cibo, tramonti da lacrime agli occhi e alberghi dalla raffinatezza unica al mondo. E poi c'è stata lei, la Land Rover Discovery 4, che ha reso il nostro viaggio più bello, sicuro, confortevole e indimenticabile.    

Auto - Ontheroad

AUTOINMENTE
MOTORI


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2014 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002