MOTORI
Jaguar XJ_e, prototipo ibrido di lusso
Scritto il 2012-07-11 da Gaetano Scavuzzo su News auto

Fonte: motorionline.com

Al Goodwood Festival of Speed che si sta svolgendo in questi giorni una delle novità più interessanti è senza dubbio la Jaguar XJ_e, un prototipo col quale la casa inglese mette insieme le caratteristiche di un’auto di lusso con un alimentazione a basse emissioni. La nuova XJ è una vettura ibrida plug-in che dimostra la possibile coesistenza tra grandi dimensioni della struttura e alte prestazioni con il rispetto dell’ambiente.

Una delle peculiarità di questo modello sperimentale di casa Jaguar sta nell’avanzato motore ibrido da 2.0 litri che garantisce lo stesso livello prestazionale del propulsore 5.0 litri V8 ma riducendo le emissioni di CO2, portandole sotto i 75 g/km. La Jaguar XJ ibrida consente di raggiungere una velocità di punta di 250 km/h, passando da 0 a 100 km/h in appena 6,5 secondi.

Ha la capacità di percorrere 40 km ad emissioni zero che anche attivando il propulsore non supereranno mai i 75 g/km. La ricarica del pacco batteria avviene in circa quattro ore con un’alimentazione esterna da 240 V. Nel complesso la vettura è in grado di percorrere 100 km con appena 3,2 litri, che si traducono in un’autonomia di 1.092 km con un pieno di carburante.

La Jaguar F-Type S Cabrio - con le sue eleganti forme in armonico equilibrio tra bellezza e performance - è una delle sportive a due posti più sinuose e teatrali dell'automobilismo contemporaneo. Proporzionata e magnetica da ogni angolo e prospettiva la F-Type - qui e per la prima volta spinta da 4 ruote motrici - è l'entusiasmante opera del maestro Ian Callum; oggi capo designer Jaguar e nobile matita che ha regalato al mondo un capolavoro come l'Aston Martin Vanquish; la grand tourer costruita rispettando la formula algebrica della sezione aurea.   Anche la F-Type rispetta i canoni della bellezza classica e infatti, pur appartenendo al XXI secolo per dinamiche di guida, tecnologia, aerodinamica e silhouette, può essere accostata all'antico e al moderno come alla natura e ai paesaggi urbani senza mai stridere con ciò che la circonda. Perchè la proporzione di fidia è insita nei lineamenti di questa spettacolare cabrio inglese e la sublimazione dell'estetica non solo non è mai fine a se stessa ma rende tutta l'esperienza - visiva, tattile, sonora - ancora più speciale. E dopo aver guidato la F-Type S per quasi 2000km tra Maremma, Val d'Orcia e Mugello posso affermare con totale sicurezza che le sensazioni predominanti al volante sono puro piacere, totale coinvolgimento e assoluta felicità. Il sound pieno, vigoroso e cattivo del 3000 V6 da 380 cavalli - che in rilascio, una volta selezionato il dynamic mode, scoppietta come una mitragliatrice - è semplicemente sublime. Lo sterzo, non elettrico ma idraulico, è tanto preciso da risultare quasi telepatico. Della F-Type mi è piaciuto molto anche il comfort e l'assetto; mai troppo rigido, dunque più che adatto alle lunghe distanze, ma al tempo stesso in grado di copiare e trasferire al conducente l'andamento del'asfalto per il massimo feeling e controllo. Passiamo ai numeri; la F-Type S può toccare i 270 orari di velocità massima e scattare da 0 a 100 in 4.6 secondi ed il modello utilizzato per il nostro viaggio in Toscana era equipaggiato con il cambio automatico a 8 rapporti collegato al sistema Awd; che da un lato contribuisce ad un aumento del peso di circa 80kg, ma dall'altro permette di avere più trazione e di aprire il gas prima in'uscita dalle curve, dove la Jaguar con quattro ruote motrici risulterà sempre stabile e composta. Ciò non vuol dire che non ci sia verso di far perdere aderenza al retrotreno, dato che la spinta arriva prevalentemente al posteriore (che si avvale di un evoluto differenziale) e viene ripartita alla ruote davanti solo quando manca grip. Ritengo tuttavia che il sistema Awd sia più necessario sulla ferocissima F-Type R piuttosto che sulla S ma in ogni caso il tipo di trazione rientra nelle preferenze personali del singolo al pari di colore, motore e optional. Ciò che secondo me più conta, sopratutto in una sportiva di lusso a due posti con il tetto in tela, è l'emozionalità dell'esperienza e come l'auto ti fa sentire quando la guidi e la osservi. E in questo senso la F-Type - che con i suoi interni ergonomici, sofisticati e dall'impostazione vagamente aeronautica è anche un gran bel posto in cui stare - colpisce il centro del bersaglio perchè riesce a trasmettere aspettative in tutte le circostanze accompagnate da un'accattivante senso di grande occasione ad ogni spostamento dove, fateci caso, avrete sempre il sorriso stampato in volto.

Auto - Ontheroad

Torna la nostra rubrica dedicata alle strade più belle del mondo con la fantasmagorica striscia d'asfalto che unisce i due paesi di Asciano e Trequanda in Toscana. Il percorso di circa 15km - tra tornanti, cambi di direzione e brevi rettilinei - si snoda s'un crinale con vista della Val d'Orcia da un lato e delle Crete Senesi dall'altro. Panorami unici e maestosi, dove il continuo alternarsi di poggi, file di cipressi, ville rinascimentali e morbide distese di verde proiettano conducente e passeggeri in un universo parallelo di pura poesia. Essendo il percorso piuttosto breve il nostro consiglio è di fare un'andata e ritorno in modo da prolungare la sessione al volante e vivere più a lungo - e da diverse prospettive -  gli straordinari scorci di questo onirico tratto della Toscana. Ovviamente se avete la possibilità di affrontare l'Asciano-Trequanda s'una cabrio tutto sarà più scenografico e spettacolare perchè guidando a cielo aperto si riescono ad apprezzare meglio le delicate cromie della campagna ed i delicati giochi di luce ed ombre sulle colline della Val d'Orcia e ci si sente a strettissimo contatto con suoni e profumi della natura circostante. Se poi la cabrio è una sportiva di lusso come Jaguar F-Type S Awd spinta dal 3000 V6 da 380 cavalli dal suono semplicemente sublime, l'esperienza rasenterà l'indimenticabile.  

Auto - Ontheroad

Quella che vedete in copertina è la prima due posti sportiva della storia Jaguar spinta da quattro ruote motrici con la sontuosa Torre di Talamonaccio sullo sfondo. Qui ha avuto inizio il nostro lungo viaggio in Toscana tra Maremma, Val d'Elsa, Mugello e Val d'Orcia accompagnati dalla spettacolare colonna sonora del 3 litri V6 da 380 cavalli della F-Type S. Un capolavoro per sonorità ed estetica, con forme armoniche, sinuose e senza tempo come molti modelli (tra cui l'Aston Martin Vanquish) nati dalla poetica matita  di Ian Callum; designer dall'innata sensibilità che ha spesso trovato ispirazione nei canoni della bellezza classica. E questo significa che a livello visivo la F-Type - qui in versione S per un pochino più di speed - si esalta accanto all'antico come al contemporaneo, nei paesaggi naturali e in città,  per strada e nei set fotografici. In altre parole un auto del genere è attraente ed equilibrata con qualunque sfondo alle spalle. Potere della bellezza assoluta. Che nel caso specifico riguarda anche questa struttura fortificata di origine medioevale sul promontorio che divide Talamone dall'Argentario con panorami della Maremma, l'Isola del Giglio con spettacolari tramonti a completare la magia. Tutte cose che potete vivere in prima persona perche come segnalato in uno degli ultimi articoli pubblicati da OnTheRoad e dedicato alle fortezze, la Torre di Talamonaccio ospita un massimo di 12 persone e può essere affittata a settimana per una vacanza unica al mondo all'insegna di lusso, quiete e benessere. Tornando alla Jaguar F-Type S, in bella posa al cospetto di mura consumate da vento e salsedine e nel giardino di agavi e macchia mediterranea della Torre,  è impossibile non notare l'eleganza complessiva del progetto; i soavi raccordi tra superfici concave e convesse, le linee rette alternate a nervature decise ed unite a forme tondeggianti ed intagli futuristici - come i gruppi ottici posteriori - creano, nel loro insieme, una silhouette compatta e slanciata che esprime dinamismo e velocità anche da ferma. Come vi racconteremo nei prossimi post, la F-Type S è più che divertente da guidare ma essendo una vera instant classic basta guardarla per avere sensazioni di piacere, teatralità non che infinite aspettative. E questo è esattamente ciò che una sportiva cabrio di lusso dovrebbe fare.  

Auto - Ontheroad


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2016 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018